Dove inserisci il Digital Tailor

Posted by Andrea Alfieri on 20/02/19 12.53

Il Digital Tailor è una figura diversa da un qualsiasi smanettone in rete, soprattutto perché si inserisce in un Ecosistema Digital aziendale nuovo. E’ una figura che ha un percorso professionale mappato ed un progetto di vita (professionalmente parlando) di lungo raggio.

IL DIGITAL TAILOR ALL'INTERNO E IL NUOVO ECOSISTEMA DIGITAL AZIENDALE

Proviamo a ricostruire questo nuovo ecosistema. Parlando di Trasformazione Digitale sempre più spesso si fa riferimento ad un processo culturale (piuttosto che tecnologico) che necessita di 3 figure fondamentali, messe una accanto all’altra: Digital Makers, Digital Enablers e Digital Leaders .

Li chiameremo semplicemente Makers, Enablers e Leaders, sono i tre ingranaggi fondamentali, come lo furono Garzoni, Artisti e Mecenati nel modello Rinascimentale.

3 attori, 3 ingranaggi; solo mettendoli insieme il motore della Trasformazione Digitale prende i giri necessari per non fermarsi alla prima collina.

In passato, insieme a Massimo Calabrese e Alberto Giusti, abbiamo lavorato sui Digital Enablers ovvero su quei manager d’azienda che conoscono i rispettivi settori e diventano quindi fondamentali per implementare un approccio digitale innovativo. Per loro si parla soprattutto di Cultural Shift ovvero un cambiamento di mentalità che è stato ben strutturato nel libro Digital Building Blocks e in questo modello che vi invito a consultare. I Digital Enablers sono manager d’azienda con più di 10 anni di seniority, sono coloro che conoscono il mercato specifico, i prodotti, la concorrenza, i clienti, le normative, e hanno quindi chiare le dinamiche specifiche che, anche nel digitale, si dovranno affrontare. Non è plausibile però immaginare loro seduti dietro una “Google Console” a settare un Tag Manager o a progettare un workflow o a costruire una landing page. Loro devono sapere cosa significano quelle parole e cosa puoi farci, ma avranno bisogno di chi è poi in grado di sporcarsi realmente le mani ovvero “i makers”.

Digital-Transformation-Engine

DIGITAL TAILOR: I MAKERS NELLA DIGITAL TRANSFORMATION

Il motore della Digital Transformation necessita quindi di altri due componenti fondamentali, senza il quale non si riuscirà a percorrere molta strada. I Digital Makers sono coloro che chiamiamo Digital Tailor, coloro a cui si rivolge principalmente questo progetto e sono una nuova “razza” di professionisti che dovranno operare per conto dei Digital Enablers, affiancandoli. Chi si muove con confidenza in questo mondo di strumenti, tecnologie e nuove opportunità, va inserito nel meccanismo al fianco di chi conosce il business dell’azienda. Molto del futuro si giocherà su questo affiancamento, chi conosce e guida la strategia fianco a fianco con chi opera su strumenti, legge dati. Questo progetto crea la bottega, il laboratorio, lo spazio fisico che permetta loro di cucirsi addosso un modello professionale definito "Digital Tailor" (il sarto digitale) neologismo proprio pensato per i Digital makers “veri”.

I DIGITAL LEADER: UN RUOLO ESSENZIALE

Mettere fianco a fianco Digital Enablers e Digital Makers non è un lavoro semplice. Ecco dove entriamo noi Digital Leaders!

Ognuno di noi ha un ruolo specifico nel funzionamento del motore, quantomeno in questa fase iniziale di evoluzione. Ci chiamiamo Digital Leaders (alcuni ci chiamano “Disruptors”), e altro non siamo che “interpreti” capaci di far comunicare Enablers e Makers. Siamo project Manager, Analisti funzionali, formatori e consulenti che hanno competenze di business ma anche di Digital. La maggior parte di noi si sta ritagliando un nuovo ruolo all’interno di aziende, ovvero CDO Chief Digital Officer. Alberto Giusti scrive che il Chief Digital Officer é la figura chiave per la prosperità delle aziende oggi. Il futuro senza l'utilizzo degli strumenti digitali non é affari roseo: i competitor li useranno e guadagneranno un vantaggio competitivo incolmabile dopo appena un paio di anni. Per questo il CDO é anche il prossimo candidato a diventare CEO. Il CDO è l’artista di Bottega e il suo braccio destro: il Digital Tailor, oggi garzone, é nella posizione principe per diventare il CDO del futuro. In poche parole coloro che sono in grado di mettere attorno ad un tavolo le necessità business con le opportunità di un mondo nuovo, tecnologico ma non solo.

ADESSO SI INIZIA

Non fermatevi all’ovvio quindi; non pensate che il progetto inizi e finisca con la pubblicazione di un Libro IPSOA ed un book tour auto-celebrativo. Non avete a che fare con quel genere di persone. Il libro è un pezzo del puzzle, ma il progetto è ben più ambizioso e lo sveleremo nei prossimi mesi. Vi dico solo che si ispira alle Gilde Rinascimentali Fiorentine come modello per agevolare lo sviluppo digitale Italiano oggi. Si torna indietro, per fare un enorme balzo in avanti. L’obiettivo è creare un nuovo Ecosistema, fatto di un network, di un polo scolastico “reale”, diffuso sul territorio secondo un modello Laboratoriale che metta al lavoro Digital Makers e Imprenditori, sviluppando gradualmente innovazione secondo una logica “funzionale al tessuto economico esistente”.

In poche parole, sfruttando appieno le nuove tecnologie odierne, si ricreano modelli Laboratoriali di stampo Rinascimentale (Le Botteghe e le Gilde Fiorentine) in cui i Digital Tailor potranno costruirsi un futuro strutturato e di lungo termine.